Il test ergospirometrico: cos’è, a cosa serve e perché è utile agli sportivi

Il test ergospirometrico: cos’è, a cosa serve e perché è utile agli sportivi

test-ergospirormetrico-di-alessandro-degasperi-condotto-da-luca-trotta-preparatore-atletico-del-san-rossore-sport-village

Il test ergospirometrico, noto anche come test cardiopolmonare da sforzo, rientra fra le valutazioni specifiche che si possono fare al San Rossore Sport Village. Il dottor Adriano Di Paco e il preparatore atletico Luca Trotta ci raccontano le sue potenzialità per gli sportivi.

Al San Rossore Sport Village seguiamo gli sportivi per aiutarli a raggiungere i propri obiettivi e tagliare il traguardo di nuove sfide. Per questo, affianchiamo all’allenamento su misura alcune valutazioni specifiche come il test ergospirometrico (o test cardiopolmonare da sforzo): fra tutti, il test di punta delle nostre valutazioni per gli sportivi.

Il responsabile di questa valutazione presso il nostro centro sportivo è il dottor Adriano Di Paco, coadiuvato dal preparatore atletico Luca Trotta. Qui, i due esperti ci raccontano qualche dettaglio in più sul test: a cosa serve, a chi è utile e quali benefici se ne possono trarre. Adriano Di Paco è lo pneumologo di riferimento per il San Rossore Sport Village, consulente per squadre di calcio di serie A, B, di campionati esteri, e per atleti olimpionici di diverse discipline. Luca Trotta, in quanto preparatore atletico, si occupa di sovrintendere i programmi di allenamento personalizzati, anche in base ai risultati del test cardiopolmonare. 

“Il test ergospirometrico è una valutazione diretta delle risposte ventilatorie, cardiache e metaboliche dell’atleta durante l’esercizio – Spiega Adriano Di Paco. – Può essere un test a carico costante di tipo incrementale submassimale oppure un test a esaurimento dove si arriva al massimo delle proprie possibilità correndo o pedalando. In termini pratici, forniamo i valori di VO2max (il massimo volume di ossigeno consumato), la frequenza cardiaca di soglia anaerobica, la VAM ossia la velocità aerobica massima, e il residuo ventilatorio.”

adriano-di-paco-e-luca-trotta-eseguono-valutazione-ergospirometrica
Il dottor Adriano Di Paco e il preparatore atletico Luca Trotta eseguono una valutazione ergospirometrica

Il beneficio per lo sportivo che si sottopone al test è quindi notevole, come continua Di Paco: “Durante l’esercizio, riusciamo a determinare il profilo dell’atleta, sia esso prevalentemente aerobico o anaerobico. La valutazione di tutti questi parametri ci permette di fornirgli l’esatta fotografia del suo stato di forma, della “cilindrata del suo motore” e gli strumenti per raggiungere obiettivi più ambiziosi.”

Avere a disposizione dati precisi, infatti, è il punto di partenza per elaborare un programma di allenamento davvero tarato sulla persona, sulle sue caratteristiche, potenzialità e obiettivi. Spiega infatti Luca Trotta: “L’interpretazione dei dati del test ergospirometrico rispetto ad altri test è molto utile perché non restituisce una stima, bensì una misurazione diretta della frequenza cardiaca di soglia: un valore fondamentale per la somministrazione dei carichi di allenamento. Al di sotto di questa frequenza cardiaca sapremo che stiamo svolgendo un esercizio a prevalente componente aerobica. Al di sopra, invece, sarà prevalente l’uso dei sistemi anaerobici.”

In definitiva, il test cardiopolmonare da sforzo ci dà la percezione di quanto possiamo migliorare sfruttando al massimo il sistema ventilatorio o cardiaco. Ma chi può beneficiare maggiormente dei risultati di una valutazione così specifica? “L’applicazione principale è per tutti quegli sport in cui si ha una componente di resistenza da allenare, quindi sport di endurance come ciclismo, running o nuoto, ma anche uno sport di situazione come il calcio, il basket, il tennis o il pugilato – Continua Trotta, e conclude, ricordando che il test ergospirometrico non è ad uso esclusivo degli sportivi. – Un altro campo di applicazione è l’allenamento mirato al dimagrimento. Infatti, grazie alla valutazione ergospirometrica riusciamo ad avere dati precisi per costruire su misura la seduta di allenamento nel percorso intrapreso con il nostro nutrizionista, e ottenere così maggiori risultati.”

In copertina: il triatleta Alessandro “Dega” Degasperi  durante la sua valutazione ergospirometrica presso il nostro stand all’Expo Marathon di Pisa lo scorso 14 dicembre


Condividi articolo